Un assortimento completo di soluzioni personalizzate.
VETRI

VETRI

Funzionamento Vetro Bassoemissivo

Il vetro rappresenta la parte più importante del serramento; non smetterò mai di dirlo. Ci preoccupiamo di tutto ciò che riguarda il telaio, dal numero di camere, alle guarnizioni, dalla specie legnosa, allo spessore tralasciando la parte che più di tutte disperde energia: la vetrata isolante!

La vetrata isolante è definita come “un insieme consistente di due lastre, separate da uno o più distanziatori, ermeticamente sigillati lungo il bordo, meccanicamente stabile e durevole” (UNI EN 1279-1).

Nella definizione però non si fa riferimento alcuno al trattamento superficiale (coating basso emissivo, riflettente, selettivo), al tipo di distanziatore (metallico, warm edge, superspacer), e infine alla presenza di gas rarefatti nell’intercapedine.

Questi tre elementi: trattamento superficiale, tipologia e dimensione del canalino distanziatore e riempimento dell’intercapedine, sono in grado di ridurre a un terzo le dispersioni attraverso la vetrata isolante!

La vetrata isolante non devo solo “contenere” le dispersioni d’energia, ma al tempo stesso, evitare che il caldo surriscaldi troppo gli ambienti, soprattutto nel periodo estivo. Dovrà inoltre garantire protezione e sicurezza e infine assicurare la giusta illuminazione degli ambienti.

Due parametri da valutare sono quindi la trasmissione luminosa (TL) e il fattore solare g.

Esiste una correlazione tra questi due parametri ed è la Selettività. Per selettività di un vetro s’intende il rapporto tra la sua trasmissione luminosa e il suo fattore solare. Più questo rapporto è vicino a due, più il vetro è selettivo. Un vetro selettivo offre quindi migliori prestazioni in termini di trasmissione luminosa, poiché più questo valore è alto più luce attraversa il vetro, e valori di “g” relativamente bassi, non consentono quindi all’energia solare di entrare negli ambienti.

Il fattore solare “g” esprime la quantità totale di energia che attraversa il vetro. Un vetro con fattore solare g 0,62 lascia passare il 63% del calore proveniente dai raggi solari.

La trasmissione luminosa (TL) esprime la quantità di luce trasmessa attraverso il vetro. Un vetro con trasmissione luminosa TL 0,80 lascia passare l’80% di luce.

VETRO BASSO EMISSIVO

Il vetro basso emissivo altro non è che un vetro isolante, costituito da due o più lastre distanziate da uno o più profili distanziatori. Un vetro isolante differisce da un normale vetro, perché dotato di un particolare trattamento, grazie a cui si riescono a contenere le dispersioni.

Il vetro di partenza è sempre un vetro float, cui però si “aggiungono” quattro diversi tipi di strati; lo strato rilevante ai fini dell’isolamento è quello d’argento, mentre i restanti tre hanno funzione di protezione e rivestimento. Sul vetro float quindi troviamo uno strato di adesione, lo strato di argento, uno strato protettivo e infine uno di rivestimento.
La sequenza è questa, e il trattamento è applicato sempre all’interno.

Strati Vetro Basso Emissivo

Funzionamento Vetro Bassoemissivo

 

No. Un vetro basso emissivo 4/16/4 lascia passare gran parte delle onde corte dovute all’irraggiamento, circa il 60%. Nei prossimi articoli sarà trattato anche il vetro selettivo.

 

 

Sì. Un vetro basso emissivo ferma gran parte delle onde lunghe dovute all’irradiazione di calore, che viene fermata e riflessa verso l’interno. A titolo d’esempio, un vetro camera normale disperde 3 W/m2K, mentre un vetro basso-emissivo disperde 1,1 W/m2K. Il parametro che indica quanto disperde un vetro è l’Ug (g dall’inglese glass) la cui unità di misura è, appunto, il W/m2K.

Spesso e volentieri mi ritrovo difronte a situazioni poco gradevoli, dove il committente ha acquistato serramenti i cui vetri sono stati “pagati” per isolanti con trattamento basso emissivo e gas argon e, suo malgrado, non è presente né l’uno né l’altro. Per il riempimento con gas argon, non è obbligatorio che vi siano due valvole attraverso cui inserirlo, poiché i moderni impianti riescono a inserirlo prima della sigillatura con butile. Non c’è qiundi modo di determinarne la presenza nonché la percentuale di riempimento senza strumentazione adeguata.

Per il trattamento basso emissivo invece, la presenza o meno è determinabile con un semplice accendino. Proprio così, basta un accendino per capire se un vetro sia basso emissivo o meno. Vediamo come.

Verifica Basso Emissivo Accendino

Per capire se un vetro ha trattamento basso emissivo o meno, è sufficiente avvicinare una fiamma, un accendino va bene, e vedere il colore delle fiamme riflesse.

Se le fiamme, quattro nel caso di doppio vetro e sei nel caso di triplo, sono tutte dello stesso colore, solitamente giallo, non c’è trattamento basso emissivo. Se una o due delle fiamme sono di colore più scuro, tendenti al violaceo, c’è trattamento basso emissivo.

 

Facce del vetro

Nel caso di vetro doppio il trattamento si applica solo su una delle due facce interne del vetro. Non ci sono differenze sostanziali nell’inserire il trattamento in faccia due o tre, ma si è soliti inserirlo in faccia 3 nel caso di doppio vetro, e facce 2 e 5 nel caso di triplo. Le facce del vetro si determinano dall’esterno all’interno; la faccia 1 sarà sempre quella verso l’esterno, mentre la faccia 4 nel caso del doppio, o 6 nel caso del triplo sarà quella verso l’ambiente interno.

 

Nella scelta di un vetro non esiste solo il valore di trasmittanza termica Ug, che determina quindi le perdite di calore, ma anche sull’apporto di calore, valore g. Infine, ma non per questo meno importante, la trasmissione luminosa.


VETRO ACUSTICO


Il vetro, ricoprendo la maggiore superficie di un serramento, svolge un ruolo fondamentale nell’isolamento acustico. Una premessa è d’obbligo. In questo articolo mi limiterò semplicemente a descrivere in che modo la scelta di un vetro piuttosto che un altro può migliorare la prestazione acustica del serramento. Vista la complessità del tema, inoltre, non è mia intenzione affrontare la propagazione del suono.

E’ ovvio, che anche il miglior serramento con il vetro più performante presente sul mercato, se mal posato serve a ben poco. Tra l’altro, una corretta posa in opera del serramento, con un applicazione studiata, è condizione imprescindibile per garantire in cantiere i valori raggiunti in laboratorio.

Vetro e isolamento acustico

Un vetro singolo da 4 mm ha un potere fono-isolante Rw di circa 25 dB, troppo pochi per riposare tranquillamente. Aumentando lo spessore del vetro aumentano anche le prestazioni acustiche.

Ovviamente un vetro spesso 20 mm, nonostante abbia un potere fono-isolante Rw  di circa 33 dB è sconsigliabile, poiché peserebbe 50 Kg per m2 e non isolerebbe granché dal punto di vista termico. Il valore di trasmittanza termica Usarebbe di 5,3 W/m2K.

Vetro e abbattimento acustico

Un vetro camera standard, con doppia lastra di egual spessore, ad esempio un 4:-16-4, ha un potere fono-isolante Rw di circa 34 dB. Aumentando lo spessore delle lastra e passando ad esempio a un 6:-16-6, il potere fono-isolante Rw migliora leggermente fino a 36 dB. Un 8:-16:8, invece, ha un potere fono-isolante Rw  di 41 dB.

Vetro camera isolamento acustico

Un vetro camera standard, sempre con doppia lastra ma di spessori differenti, ha un comportamento migliore dal punto di vista dell’isolamento acustico. Ad esempio un 4:-16:6 ha un potere fono-isolante Rw  di circa 36 dB. Un vetro camera 6:-16-8 ha un potere fono-isolante Rw  di 38 dB. Infine, un 6:-16:10 ha un potere fono-isolante Rw  di 39 dB.

Il miglioramento, per quanto minimo, è molto significativo poiché il dB esprime secondo una scala logaritmica in base 10 il rapporto tra due grandezze omogenee.

Dagli esempi fatti sopra è chiaro che, piuttosto che aumentare lo spessore delle singole lastre è preferibile usare lastre con spessori differenti.

Vetri e isolamento acustico

Un ulteriore miglioramento delle prestazioni acustiche di un serramento è possibile inserendo vetri accoppiati mediante uno spessore variabile di PVB, polivinilbutile, in grado di smorzare le vibrazioni sonore, migliorandone il potere fono-isolante  Un vetro camera così composto, 4:-16:44.2, ha un potere fono-isolante Rw di 40 dB. Un vetro camera 6:-16:44.2 ha un potere fono-isolante Rw  di 42 dB. Infine, un 44.2:-18:44.2 ha un potere fono-isolante di 45 dB. Un vetro 44.2 è un vetro accoppiato, composto da due lastre da 4 mm unite tra loro mediante uno strato plastico di 0,72 mm. Un vetro stratificato, paragonato a uno monolitico di egual spessore, consente un aumento delle prestazioni di circa 3-5 dB.

Andare oltre i 45 dB è ovviamente possibile, ma parliamo di soluzione tecniche avanzate non alla portata di tutti i giorni. Molto dipende, come è gusto che sia, dalla destinazione d’uso dell’edificio nonché della sua localizzazione.

Per completezza, infine, il potere fono-isolante di un serramento Rè sempre espresso in dB, indicato con un valore numerico, seguito da due valori numerici tra parantesi che sono dei fattori di correzioni di Rin presenza di particolari sorgenti sonore, rumore rosa e rumore da traffico urbano.

Il modo corretto per indicare il potere fono-isolante di un serramento è il seguente:  R34 (-2;-6) dB.

I valori riportati sono ovviamente indicativi, volti più che altro a essere d’aiuto nella scelta del vetro. I valori prendono in considerazione sempre lo stesso serramento e la stessa frequenza in Hz.

Infine, come di consueto, ecco a voi dei piccoli accorgimenti per migliorare l’abbattimento acustico di una superficie vetrata:

- Scegliere lastre con spessori superiori a 6 mm. Il potere fonoisolante è proporzionale alla massa;

– Optare per vetri camera composti da lastre di spessori differenti;

– Per migliorare ulteriormente le prestazioni, consiglio che almeno una delle lastre sia costituita da un vetro stratificato;
– Preferire un canalino distaziatore in materiale elastico e non metallico;

– Scegliere intercapedini di spessori elevati;

E per finire, ovviamente, un’accurata posa in opera! 
PS Serramenti VETRI 1PS Serramenti VETRI 2PS Serramenti VETRI 3PS Serramenti VETRI 4PS Serramenti VETRI 5PS Serramenti VETRI 6PS Serramenti VETRI 7
PS Serramenti srl
via Palladio 9
35019 Onara di Tombolo PD

Tel +39 049 9485159  
info@psserramenti.com

P.IVA 04607290287
Seguici su Facebook
Seguici su Google+

Questo sito utilizza cookies,
maggiori informazioni in